Skip links

Storia del progetto

CUCINA NATURALE

CUCINA NATURALE

Conserve di pomodoro "Confì" Estratto di melograno -colazione con vistaRadicchio al rosto con semi di girasole tostatiPatate a ventaglio aromatizzate con burre e erbe di campo di Pizzoferratocucina alchemica ancestralepesto di aglio orsino cottura di verdure in Tajinepane con grani antichigrano la timiglia impasto con ortiche e patatepietanze con erbe spontanee, insalata con i fiorignocchetti con ortica, zucca e patatemomento del caffèbiscotti al cioccolato veganisugo con polpette di melanzanegioco di colori erbe del campo " Silene"vellutata di ortica cotta sul fuocopranzo al cestopolpette di ceci "Falafel"riso cotto nel succo di limone condito con erbe di campo sminizziatepolpette di melanzane veganetorta salata di radicchio e
La Storia del Progetto

La Storia del Progetto

ANAHATA Associazione di promozione sociale esiste dal 2014 promuovendo le seguenti attività: Responsabilità, Ecologia profonda, Condivisione, Metodi alternativi di esplorazione della potenzialità umana, Centro di Ritiro, Centro di scambi interculturali internazionale, Convegni, Residence, Attività artistiche come il teatro-danza e la musica. Cucina Naturale, Organizzazione Festival, Escursioni nella Natura, Camminate di Riconoscimento di erbe spontanee, Laboratorio di Trasformazione prodotti della terra, Riuso e riciclo, Bioedilizia, Permacultura, Artigianato Consapevole, Bottega Artigianale Equosolidale, Rigenerazione Territoriale, Educazione Ambientale, Turismo esperienziale, Sperimentazione eco progetti, Autosufficienza ed economia solidale, economia circolare, Informazione, formazione, sperimentazione e ricerca, Percorsi e formazione di Naturopatia, Solidarietà e assistenza, Salute e sport, Viaggi interculturali, Attività editoriali. Organizzazione  NaturaFest Abruzzo – l’Essenza della Maiella I progetti nascono da una nostra esigenza di cambiamento volta al miglioramento delle condizioni di vita a livello fisico, mentale ed emozionale. Si sviluppano attraverso degli esperimenti sociali volti alla ricerca allo studio e allo sviluppo del Buon Vivere che promuoviamo da diversi anni in piccola scala ottenendo grandi risultati. Il nostro areale si estende alle pendici della Maiella Orientale nei territori di Pizzoferrato, Torricella Peligna e Archi. Abbiamo sperimentato una modalità d’accoglienza che integra il viandante ai nostri luoghi attraverso un viaggio sensoriale nel tempo, coinvolgendo e stimolando i sei sensi, vivendo esperienze indelebili da portare con sé per sempre.  In questi luoghi abbiamo creato la “scuola di vita” dove si ha la possibilità di praticare esperienze di rigenerazione territoriale attraverso: Agricoltura organica naturale, olivicoltura organica, permacoltura, rigenerazione del suolo, riforestazione delle piante autoctone. Recupero di uliveti abbandonati da 20/40 anni sui territori  di Archi e Torricella Peligna. Al momento abbiamo recuperato circa 300 piante autoctone, tra le varietà più antiche come intosso, crognalegna. Impianti di permacultura con la finalità sviluppare piante con caratteristiche autoctone utilizzando piante perenni come le piante officinali.  La permacultura è il filo conduttore dei nostri progetti ci permette di vivere in modo sostenibile. Senza utilizzo di trattamenti chimici. Avendo la possibilità di essere autosufficienti. Stiamo sperimentando con successo colture alternative o dimenticate eccellenti nella rigenerazioni dei suoli aridi e improduttivi come la canapa e il bambù gigante che in oltre garantiscono un produzione in biomassa superiore ad ogni altra coltura. Sono ottimi materiali nella bioedilizia come isolanti o materiali da costruzione.  Utilizzando i materiali autoprodotti  come il bambu abbiamo ad Archi e a Torricella Peligna realizzato  cantieri didattici di bioedilizia per il restauro di edifici in pietra.  A pian d’Archi è stato ricostruito il tetto di un vecchio mulino d’acqua. Al palazzo baronale di Pizzoferrato abbiamo costruito un forno in terra cruda per la panificazione con la farina di grano antichi. Lo sviluppo dell’artigianato partendo dalla sartoria e falegnameria includendo i materiali di riciclo, di recupero. Creazione, realizzazione ed esposizione permanente di arte e artigianato. Scuola di crescita personale, giardino del benessere, forest-therapy, educazione ambientale organizzando ritiri da 2-6 giorni in collaborazione con inseganti provenienti da vari parti dell’Italia e l’estero.  Metodi alternativi di esplorazione della potenzialità umana, forest teraphy. Scuola dell’infanzia nella natura. Percorsi sensoriali riscoprendo e valorizzando i sapori ancestrali e prodotti autoctoni, come riconoscimento, raccolta e trasformazione delle erbe spontanee e aromatiche. Una risorsa naturale del territorio da riscoprire e valorizzare. Non stiamo proponendo semplicemente la realizzazione di un erbario ma tramandare attraverso i riconoscimento, la raccolta delle erbe nel campo,  la loro storia, l’utilizzo che se ne faceva in passato e se ne può fare oggi. Per permettere agli altri di sperimentare e vivere quello che facciamo abbiamo destinato una parte degli spazi a nostra disposizione all’accoglienza. Noi ci proponiamo in base alle nostre esperienze come un esperimento sociale,  per poter sviluppare un modello pilota riproducibile in tutti contesti simili. La grande opportunità di essere già una rete di comunità ci permette di riprodurre in ogni singola comunità i modelli vincenti sviluppati. Prima di divenire una comunità di progetto già vivevamo con una visione della vita vissuta nella condivisione nella reciprocità e nel mutuo aiuto. Visto attraverso gli occhi abituati a misurare ogni azione con raggiungimento della crescita economica può apparire un modo di vivere astratto non rappresentabile in una grande